Reviews

ALLO Katana DAC Review

Siete curiosi di sapere come suona il DAC Allo Katana, vero?

Il DAC Allo Katana è sicuramente il DAC I2S più atteso di quest'anno. Non vi annoierò dicendovi quanto Allo sia innovativo, intelligente, ecc. Ma di certo sono riusciti ad attirare l'attenzione quando hanno annunciato la loro audace intenzione di creare "La migliore implementazione del DAC ESS9038".

Data la reputazione che si sono fatti con i loro prodotti passati (Kali, BOSS e Digione, solo per citarne alcuni), non c'è da stupirsi che questo DAC sia stato atteso da molti, me compreso.

Così, dopo 7 mesi dal loro annuncio, ho finalmente ricevuto il Katana a casa mia. Allo mi ha inviato il lettore Allo Katana completo e pronto per l'uso e un DAC Allo Katana (solo DAC).
Ho avuto quindi la possibilità di vivere la "customer experience su entrambi i prodotti", e vorrei iniziare da questo, dato che per questo prodotto è particolarmente importante.

L'ESPERIENZA KATANA

Il DAC Allo Katana è sicuramente un'esperienza di apprendimento: ci sono 3 schede impilate una sopra l'altra (dal basso: DAC, stadio di uscita, microcontrollore), e si nota subito che è pieno di prese di alimentazione, ponticelli, selettori, fili...

Così, nel timore di fare un pasticcio, ho iniziato subito a leggere il manuale di Katana, sentendo subito che questa cosa aveva bisogno di un'impostazione corretta e prudente.

Per farla breve: il Katana non è un DAC plug and play facile da usare, non è per i principianti e non è qualcosa che si vuole cablare nel modo sbagliato. Allo ha fatto in modo che il suo manuale sia chiaro e dettagliato, ma sicuramente non consiglierei a un novizio del mondo Raspberry PI di iniziare con questo (consiglierò invece di acquistare il lettore completo, vedremo più avanti perché).

Mi ricorda le prime sensazioni che ho avuto quando ai tempi restauravo giradischi: la costante sensazione di avere a che fare con un apparecchio delicato, che capire come trattarlo è fondamentale per non fare disastri e che ottenere il massimo da esso è una questione di pazienza, studio e impegno.

Vorrei fare un'osservazione su Allo: se c'è un modo per semplificare le 3 schede, fatelo. Al momento, sembra troppo complesso anche per gli utenti esperti. So che per alcuni questo può essere un bene, ma io penso che la semplicità sia il massimo della sofisticazione, e non vedo uno sforzo in questa direzione con la Katana.

Con l'Allo Katana Player, invece, si ottiene praticamente tutto pronto per la riproduzione, configurato e confezionato in una bella custodia. Non ho timore di dire che, al momento, l'Allo Katana Player (con Volumio , ovviamente) è il miglior streamer per rapporto qualità/prezzo sul mercato. Considerando la facilità con cui Volumio è diventato, e la bontà con cui Allo ha confezionato questo meraviglioso DAC, è sicuramente consigliato a chi vuole acquistare il suo primo streamer serio.

LA ALLO KATANA TECH 101

Il DAC Allo Katana è costituito da 3 componenti separati, che lavorano insieme e sono impilati uno sull'altro:

Allo Katana Dac Stack

La scheda DAC stessa

Questa scheda ospita il cuore pulsante del Katana: il DAC ESS9038, probabilmente il pezzo di silicio più apprezzato oggi nel settore (almeno dai progettisti audio...). Sulla stessa scheda troviamo anche gli oscillatori NDK a bassissimo rumore di fase per il DAC.
Questo è stato il marchio di fabbrica di Allo quando si tratta di progettazione: assicurarsi che il DAC funzioni in modalità Master (rendendolo immune dal clock scadente e nervoso del Pi) e inserire oscillatori eccellenti nel mix.

Secondo la mia esperienza, questa scelta progettuale si traduce in un'eccellente separazione strumentale e in un'ottima ritmica (ogni campione audio viene riprodotto nel momento esatto in cui deve essere riprodotto).

Lo stadio di uscita

Questa è la parte veramente interessante, secondo me. Allo ha optato per una scelta stravagante, ma coraggiosa: uno stadio d'uscita opamp in classe A. La prima contraddizione è che gli amplificatori operazionali sono solitamente associati a un suono scadente, mentre la classe A è solitamente sinonimo di circuiti di alto livello.

Il secondo punto è che non ci si aspetterebbe di collocare un progetto di classe A che succhia corrente sopra un dispositivo a basso consumo (senza alcuna traccia di dissipazione) come il Raspberry PI.

Ioan di Allo, rispondendo alle mie domande, ha commentato:

  • Gli opamp sono solitamente associati agli opamp monolitici (semiconduttori molto economici che si limitano a fare il loro lavoro, utilizzati quando il prezzo e la superficie della scheda sono cruciali), mentre Allo ha collaborato con un progettista analogico (sparkoslabs.com) che progetta opamp realizzati con componenti discreti (in realtà contengono transistor, condensatori e resistenze). Se si aggiunge che il circuito analogico è stato progettato (e regolato) a mano, utilizzando condensatori e resistenze di qualità superiore e che funziona in classe A, Allo dichiara che questo stadio di uscita è completamente trasparente.
  • Lo stadio di uscita può essere eventualmente spento, azionando un interruttore sulla scheda MCU (tranne quando è alimentato con una tensione esterna di +15). Inizialmente pensavo che la MCU fosse in grado di rilevare lo stato di inattività del DAC e spegnere lo stadio di uscita, ma non è così. Tuttavia, questa potrebbe essere una funzione davvero brillante (soprattutto per coloro che lasciano il proprio apparecchio acceso 24 ore su 24, 7 giorni su 7) e mi piacerebbe che Allo riuscisse a implementarla.

Il microcontrollore

Il DAC ESS9038 non può essere facilmente integrato in implementazioni i2s pure (come tutte le shield audio di Raspberry PI), per una serie di motivi diversi. Il modo più comune è quindi quello di inserire un microcontrollore tra il BUS I2S del PI e il DAC stesso, e questo DAC non fa alcuna differenza. Pertanto, non c'è nulla di speciale in questo caso.

ALIMENTAZIONE

Il Katana è progettato per essere alimentato in 3 diverse configurazioni (citando il manuale di Allo, dalla peggiore in termini di qualità del suono alla migliore):

- Alimentazione singola (1 alimentatore da 5V 3A, connettore USB tipo C alla scheda MCU)
- Doppia alimentazione (1 alimentatore da 5 V 3 A, connettore USB tipo C alla scheda MCU + 1 alimentatore da 5 V 3 A, connettore Micro USB tipo Raspberry PI)
- Tripla alimentazione (1 alimentatore da 5V 3A, connettore USB tipo C alla scheda MCU + 1 alimentatore da 5V 3A, connettore Micro USB tipo al Raspberry PI + 5V 3A tramite cavo nero e rosso)
- Quadrupla alimentazione (1 alimentatore da 5 V 3 A, connettore USB tipo C alla scheda MCU + 1 alimentatore da 5 V 3 A, connettore Micro USB tipo al Raspberry PI + 5 V 3 A tramite cavo nero e rosso + alimentazione -+15)

L'alimentazione quadrupla è quella che teoricamente consente la migliore qualità del suono, anche se Allo ha specificato che "per ottenere risultati migliori rispetto ai nostri regolatori integrati è necessario utilizzare un'ottima alimentazione". Pertanto, ciò che Allo raccomanda come migliore SQ nel manuale è in realtà un'alimentazione tripla, in cui non è necessario alimentare i +15 Volt. In questa configurazione, tuttavia, è necessario cablare (e potenzialmente saldare, se vi piacciono i lavori puliti) due fili di alimentazione che trasportano 5 V.

Opzioni di alimentazione del DAC Allo Katana

Sto provando il Katana Player in configurazione a doppia alimentazione, alimentando il PI con un alimentatore generico da 5V 3A e alimentando la scheda Katana Controller con un ifi iPower (per ottenere il massimo da questa combinazione ho aggiunto un iFi groundhog, utile per eliminare ogni possibile loop di massa nel mio sistema).

Le mie impressioni d'ascolto si riferiscono quindi a questa configurazione (che è, con le parole di Allo: impostazioni medie di qualità del suono), quindi lo proverò con 3 alimentatori diversi e aggiornerò questa recensione di conseguenza (anche se non terrò il sistema in questa configurazione, a meno che non veda nientemeno che Angeli e Dee, dato che sarebbe una rottura avere tutti quei cavi nella mia posizione d'ascolto, vedi dopo).

L'aspetto peggiore di questa scelta progettuale è che il raggiungimento del suo pieno potenziale è un bel compromesso: sono necessari 3 diversi alimentatori: 2 alimentatori da 5V 3A, e un doppio +15-15.

Quindi, per ottenere il massimo dal Katana è necessario avere almeno un po' di competenze elettroniche (giocare con l'alimentazione fai-da-te è potenzialmente molto pericoloso se non si sa cosa si sta facendo), e bisogna necessariamente aggiungere circa 100 euro al suo prezzo base (per ottenere le alimentazioni aggiuntive) e che la configurazione del lettore Katana comporterà uno schema di cablaggio piuttosto disordinato nel vostro ordinato scaffale elettronico.

IL SUONO

Basta con le chiacchiere, veniamo subito al punto di come suona il DAC ALLO Katana.

In due parole: risoluzione e quantità.

È la prima volta che la parola "risoluzione" mi viene in mente quando descrivo un apparecchio musicale. La quantità di dettagli, la separazione strumentale e la microdinamica non hanno eguali nell'intero mondo dei DAC I2S. Direi che anche sotto questo aspetto supera nettamente il mio DAC principale (Opera Consonance Don Curzio, Pro-Ject Pre Box S2 Digital). Ho ascoltato molti dettagli della mia musica di cui non avevo mai sospettato l'esistenza e, in particolare, è successo soprattutto quando non stavo prestando attenzione.

Alcuni esempi: in alcuni brani ho sentito per la prima volta la coda del Charleston (Take Five), o un sottofondo di organo (Mammagamma). Questo DAC non è quindi dettagliato, ma piuttosto iperdettagliato.

Sono il tipo di persona che ama ascoltare ogni minimo dettaglio, ma l'esperienza di Katana è come una sessione di dettagli in piena regola. A volte si sente troppo e diventa facilmente stancante.

Un'altra qualità a doppio taglio di questo DAC è che è in grado di offrire un'esperienza estremamente emozionale: come sempre, questo è uno degli aspetti a cui tengo di più (e probabilmente è qui che entrano in gioco i vantaggi di essere un DAC Master immune al jitter). Durante l'ascolto i miei piedi hanno iniziato a battere sul pavimento e mi sono immerso completamente nel ritmo.

Questo DAC cattura l'attenzione. È coinvolgente, esigente. Questo è probabilmente l'aspetto che mi piace di più, perché il trasporto emotivo che è in grado di trasmettere non ha eguali in tutta la mia storia di ascolti.
Ma questo è anche ciò che non mi piace.

È faticoso: ti lancia un'enorme quantità di informazioni nel messaggio musicale. E, almeno per ora, non riesco a sostenere una sessione d'ascolto di più di un'ora senza voler interrompere la musica e riposare. Infine, come per tutti i DAC molto dettagliati, la qualità della registrazione è fondamentale: le tracce lo-fi diventano piuttosto noiose da ascoltare, poiché si è esposti a tutti i loro difetti.

Ho discusso con Allo di questi aspetti e mi hanno riferito che tutti hanno avuto la stessa impressione: potente ma affaticante. Hanno quindi suggerito di lasciarlo rodare per almeno 24 ore, e il DAC continuerà a migliorare fino a circa un paio di settimane di utilizzo.

Non sono un fan del burn-in, soprattutto perché non riesco a capire completamente le ragioni di questo fenomeno. Ma Ioan di Allo ha spiegato che

"Abbiamo oltre 20 film caps e 2 Suprecaps che devono stabilizzarsi. Il periodo di rodaggio è di 2 settimane. Il Dac migliorerà leggermente perché i Supercaps hanno bisogno di un periodo più lungo rispetto ai condensatori a film. Come un buon vino, Katana migliora con l'età".

Spero davvero, e non ho motivo di dubitare delle parole di Ioan (altri prodotti Allo del passato hanno dimostrato di migliorare considerevolmente dopo un po' di burn-in), che sia davvero così. Il Katana è su un livello completamente nuovo, praticamente su ogni aspetto del panorama I2S, e se il burn-in riduce effettivamente l'effetto "troppo" che questo comporta, è sicuramente il mio DAC preferito.

Aggiornerò la mia recensione dopo alcuni giorni di utilizzo per confermare se ciò accade effettivamente e quale sia l'entità del cambiamento.

L'ultima menzione d'onore va alla gamma bassa di questo DAC. È la migliore linea di basso che abbia mai sentito. Uno dei miei bassi preferiti in assoluto è quello della canzone Allarme dei CCCP, e questa è la prima volta che lo sento in questo modo. Se avete già ascoltato il DAC BOSS, si tratta della stessa firma di basso, ma moltiplicata per 10 (quindi immagino che il Supercapacitor giochi un ruolo e che la differenza sia aumentata dallo stadio di uscita).

Giocatore Allo Katana

UN CONFRONTO

I candidati ideali per il confronto con il DAC Allo Katana sono i DAC che collocherei nella categoria "DAC I2S di alto livello", ovvero:

Escluderò il TauDac (dato che costa circa 4 volte gli altri contendenti) e metterò il confronto in questo modo:

Il DAC Allo Katana supera i concorrenti quando si tratta di: dettaglio, PRAAT (chiamiamolo ritmo), risposta dei bassi, rumore di fondo e separazione strumentale. Il TerraBerry è una scelta più adatta a chi desidera un'esperienza d'ascolto "rilassata", mentre per chi desidera un equilibrio tonale complessivo probabilmente è da preferire l'ApplePi.

CONCLUSIONE

Il bene

  • Fantastica musicalità
  • Iperdettagliato: riscoprirete anche i brani che conoscete meglio
  • Bassi incredibili e potenti
  • È il DAC più "coinvolgente" che abbia mai avuto, per me è un vantaggio.

Il Meh

  • Non è adatto a tutti, non è totalmente adatto ai principianti.
  • Per ottenere il massimo, sono necessari 3 alimentatori
  • È così buono che per alcuni può essere "troppo" (da verificare dopo il rodaggio).

 

Devo ammettere che il Katana è di per sé una rivelazione, un'esperienza di ascolto "diversa". È, senza dubbio, l'apparecchio più interessante per gli appassionati di musica, anche se non è adatto a tutti (sono necessarie alcune competenze per sfruttarlo al meglio).

Il DAC Allo Katana può essere visto come il DAC più rivelatore, musicale e coinvolgente attualmente sulla scena, e le sue qualità possono renderlo l'amore assoluto per alcuni o una noiosa esperienza d'ascolto opprimente per altri. Io, lentamente, sto iniziando ad amare l'effetto rivelatore che mi offre.

Come sempre, se vi piace Volumio e volete acquistare il DAC Allo Katana o il lettore Allo Katana, acquistando dal nostro Shop sosterrete il nostro amato progetto.

E riceverete anche un simpatico bonus:
un codice voucher per 4 mesi di MyVolumio (che sta per ricevere il supporto TIDAL, BTW...). Così potrete testare la vostra nuova Katana con lo streaming Hi-Res...

Non ho paura di dire che Volumio + MyVolumio + Katana Player è senza dubbio il miglior streamer di qualità attualmente sul mercato. 

 

AGGIORNAMENTO 1

Errata corrige:

Ci sono stati alcuni errori nella mia recensione (li ho corretti nel testo principale, ma li scriverò qui per coloro che amano le differenze):

  • Ho erroneamente indicato che "L'unità microcontrollore è programmata in modo da spegnere lo stadio di uscita quando non viene utilizzato, risparmiando energia". Questo non è vero: l'MCU non può spegnere lo stadio di uscita, ma è possibile farlo manualmente commutando un selettore sulla scheda del microcontrollore (J27, supponendo che non abbiate alimentato separatamente lo stadio opamp, nel qual caso questo ponticello sarebbe comunque impostato su off, ricevendo l'alimentazione da una sorgente esterna +15).
  • Ho erroneamente indicato che ci sono 3 modi per alimentare la Katana, mentre in realtà ce ne sono 4:
    - Alimentazione singola (1 alimentatore da 5V 3A, connettore USB tipo C alla scheda MCU)
    - Doppia alimentazione (1 alimentatore da 5 V 3 A, connettore USB tipo C alla scheda MCU + 1 alimentatore da 5 V 3 A, connettore Micro USB tipo Raspberry PI)
    - Tripla alimentazione (1 alimentatore da 5V 3A, connettore USB tipo C alla scheda MCU + 1 alimentatore da 5V 3A, connettore Micro USB tipo al Raspberry PI + 5V 3A tramite cavo nero e rosso)
    - Quadrupla alimentazione (1 alimentatore da 5 V 3 A, connettore USB tipo C alla scheda MCU + 1 alimentatore da 5 V 3 A, connettore Micro USB tipo al Raspberry PI + 5 V 3 A tramite cavo nero e rosso + alimentazione -+15)

L'alimentazione quadrupla è quella che teoricamente consente la migliore qualità del suono, anche se Allo ha specificato che "per ottenere risultati migliori dei nostri regolatori integrati è necessario utilizzare un'ottima alimentazione". Quindi, ciò che Allo raccomanda come migliore SQ nel manuale è in realtà un'alimentazione tripla, in cui non è necessario alimentare i +15 Volt. In questa configurazione, tuttavia, è necessario cablare (e potenzialmente saldare, se vi piacciono i lavori puliti) due cavi di alimentazione che portano 5 V.

  • Ho scritto che "gli amplificatori operazionali sono solitamente associati a progetti economici", ma sarebbe stato meglio esprimersi con "gli amplificatori operazionali sono solitamente associati a un cattivo suono".

Ho lasciato il Katana a rodare per circa 48 ore e sto facendo altre sessioni di ascolto (rilassate). Mi sto prendendo un po' di tempo per capire se e come le cose sono cambiate con il processo di rodaggio, e riferirò le mie impressioni d'ascolto. Nel frattempo, ho scoperto due grandi brani che rimarranno nella mia lista di brani di prova per molto tempo a venire: Low di Lenny Kravitz e Opening di Philip Glass. E indovinate un po': li sto ascoltando tramite l'integrazione nativa di TIDAL, appena rilasciata in MyVolumio beta.

AGGIORNAMENTO 2 

Ho il Katana nella mia sala d'ascolto da 6 giorni, quindi l'effetto "burn-in" dovrebbe essersi fatto strada nel mio apparecchio (Allo afferma comunque che il Katana continuerà a migliorare, anche se leggermente, per 2 settimane). Prima di proseguire vorrei ricordare ancora una volta che queste sono le mie opinioni soggettive, e come tali vanno prese (anche se è mio dovere e obbligo etico essere il più obiettivo possibile, data la grande responsabilità che sento verso questa comunità).

In tutta onestà, non ho notato miglioramenti tangibili dopo questo processo di rodaggio (a parte l'affaticamento che si è leggermente affievolito). Ciò che è stato immediatamente chiaro, tuttavia, è stata la differenza di prestazioni quando è stato alimentato in modalità tripla (3 alimentatori da 5V 3A): Il Katana con tripla alimentazione guadagna ancora più dettaglio e separazione strumentale. Mi sono assicurato di ascoltare brani che conosco molto bene, e per ognuno di essi ho sentito degli strumenti in sottofondo che prima non avevo notato (o non erano così intelligibili). La mia ipotesi è che il DAC riceva un bonus aggiuntivo nel rapporto segnale/rumore, e l'effetto è chiaramente udibile.

Vale la pena notare che alimentare il lettore Katana in questo modo è un po' come un rituale: prima si accende il Katana, poi si collega l'alimentatore USB di tipo C alla scheda MCU (in alto) e infine (dopo che il LED sull'MCU si è acceso) si accende il PI. Chi vuole collegare le tre PSU a un'unica presa multipla e accenderla e spegnerla per alimentare il tutto potrebbe quindi essere sfortunato (o forse esiste un modo per farlo, ma non ne sono a conoscenza).

Un altro esperimento che ho fatto è stato quello di cambiare i programmi DSP del Katana. Volumio permette (dalle opzioni di riproduzione) di cambiare il DSP del DAC al volo, quindi è abbastanza facile valutare il loro impatto. È possibile scegliere tra vari filtri DSP e io ho trovato il mio punto di forza nel "Filtro Apodizing Fast-Rolloff" (se ricordo bene dovrebbe essere quello predefinito).


Per quanto riguarda la deenfasi, ho notato che la selezione di 44,1 kHz ha eliminato l'effetto "duro" sulla gamma alta che ho sperimentato nella mia configurazione da studio. D'altra parte, selezionando questo valore mentre suono con il mio impianto principale ho avuto l'impressione di togliere "il vero affare" dal messaggio musicale (quindi sul mio impianto principale non uso la deenfasi selezionando "Bypass").

Un altro aspetto molto positivo della Katana è il palcoscenico 3d: la ricostruzione spaziale (su tracce ben registrate) è eccellente.

Un'altra cosa che ho notato è che il Katana non si sposava molto bene con il mio setup da studio, mentre nel mio setup principale dava il meglio di sé. A me sembra che il Katana sia uno di quegli apparecchi che richiedono un setup "corrispondente": se il vostro setup è sul "lato brigoso", allora potrebbe esacerbare la tendenza del Katana a offrire grandi dettagli nella gamma alta (risultando forse troppo luminoso e talvolta aspro). Questo è ciò che ho provato nella mia configurazione Studio (che è una configurazione near-field, simile a un monitor da libreria, molto generosa sulla gamma alta dello spettro e con poca risposta sui bassi).

Il mio impianto principale invece stava rendendo giustizia al Katana, e l'equilibrio generale dell'intera catena ha portato a un'esperienza d'ascolto decisamente piacevole. Voglio sottolineare ancora una volta: la Katana ha uno dei migliori bassi in assoluto, ma combinando questo con l'elevata quantità di dettagli in gamma alta si ottiene a volte che i due estremi della banda sono in leggera evidenza rispetto al resto.

La parola che mi viene in mente dopo 6 giorni di sessioni di ascolto con il Katana è "realismo". Questo DAC, più di ogni altro che abbia mai ascoltato, mi dà l'illusione del vero affare. C'è stato un momento, mentre stavo ascoltando Dope Noir di Waldeck, in cui ho avuto la sensazione che quello che stavo ascoltando fosse il vero evento originale: tutto suonava così "vivido" e "vero". Lo ricordo come uno dei pochi "momenti wow" in Hi-Fi che ho avuto ultimamente.

La mia conclusione è che il Katana è probabilmente il miglior DAC I2S attualmente sul mercato per quanto riguarda dettagli, PRAAT e realismo. Il Katana dà il meglio di sé con le tracce registrate bene e, se ben regolato e con una configurazione adeguata, è in grado di offrire il "vero affare", quello che noi audiofili cerchiamo sempre. L'unico problema è che a volte mi è sembrato "troppo".

In ogni caso, il Katana rimarrà nel mio impianto principale, al posto del mio DAC di riferimento.

Nota a margine: alcuni hanno interpretato le mie parole sul fatto che la Katana non è adatta ai principianti come se fosse "solo per esperti". Non è così. La Katana è in grado di soddisfare le esigenze sia dei novizi (soprattutto dei giocatori pronti a giocare) sia degli smanettoni, ma tenete presente che per ottenere il massimo richiede studio, attenzione e un po' di sofferenza (come 3 o 4 alimentatori diversi e, di conseguenza, uno dei peggiori WAF di sempre).

AGGIORNAMENTO 3

Benvenuti a questo nuovo episodio della "Katana Saga". Per coloro che hanno perso gli episodi precedenti:
Allo, probabilmente il produttore più dirompente di DAC I2S e accessori per Raspberry PI, si è posta un obiettivo audace: sviluppare l'implementazione meglio suonante del DAC ES9038Q2M (uno dei chip DAC più apprezzati sul mercato).
Hanno impiegato molto tempo per progettarlo e lo hanno rilasciato alla fine di luglio del 2018 con molte aspettative da parte della comunità degli audiofili fai-da-te.

Katana è stato generalmente elogiato per essere un DAC estremamente ben suonante, e ho scritto la mia recensione concludendo che:
- Non è adatto a tutti, perché è intrinsecamente più complicato da utilizzare rispetto a qualsiasi altro DAC I2S per Raspberry PI.
- Suonava molto molto bene, ma la sua firma sonora iper-analitica era in qualche modo affaticante.

Dopo appena 2 settimane dal lancio iniziale, Allo ha interrotto le vendite del DAC spiegando che doveva essere ulteriormente perfezionato. Le reazioni variavano dalla simpatia per la decisione di Allo all'estrema delusione.

Ora, il momento è arrivato e Allo ha ripreso le vendite della sua Katana 1.2. E le aspettative non sono svanite. Fine degli episodi precedenti.

Ho ricevuto la nuova Katana circa una settimana fa. Purtroppo, per motivi personali, non ho potuto dedicargli tutto il tempo che avrei voluto, ma ho comunque totalizzato circa 10 ore di ascolto.

Ho ancora bisogno e voglia di passare più tempo, ma voglio condividere le mie impressioni iniziali.

Come alcuni di voi già sapranno, Katana è in realtà composto da 3 componenti: la scheda DAC vera e propria, una scheda microcontrollore e uno stadio di uscita.

Allo ha deciso, per la sua seconda revisione, di offrire due diverse scelte di stadio di uscita: THD (che da quanto ho capito è tarato per ottenere la massima fedeltà) e Sound Quality (che invece è in qualche modo tarato per una firma più eufonica). Non giudicherò questa scelta, tutto quello che ho fatto è stato ascoltare il Katana con entrambi gli stadi di uscita.

Innanzitutto, chiariamo una cosa: Katana 1.2 ha una firma sonora leggermente diversa rispetto alla versione precedente. La mia unica (ma grande) lamentela con la versione precedente era che la sua presentazione iper-dettagliata risultava facilmente molto affaticante. Questa nuova versione, fortunatamente, è meno affaticante rispetto alla Katana originale. Questo effetto è stato particolarmente evidente nella mia configurazione in studio (una configurazione nearfield di tipo monitor), dove la versione precedente era molto dura per le mie orecchie, mentre con la nuova ho ascoltato facilmente per molte ore. Il Katana offre ancora la presentazione più dettagliata che abbia mai visto da un DAC. Il Praat è ancora fantastico. La gamma bassa è ancora ottima (forse anche migliore in questa revisione).

Dalle mie impressioni iniziali, sembra che Allo sia riuscito a risolvere il problema dell'affaticamento senza compromettere altri aspetti come i dettagli e Praat. Tuttavia, il livello di dettaglio (opinione personale) potrebbe a volte sembrare ancora eccessivo. Ho ancora una sorta di sensazione contrastante al riguardo. Prima del Katana, pensavo di essere il tipo di audiofilo a cui piace un alto livello di dettaglio. Ora non ne sono più così sicuro.

Per quanto riguarda i due stadi di uscita: Ho notato una leggera differenza tra i due, e il mio preferito è quello Sound Quality. Non so per quale motivo, dato che non sono riuscito a individuare una chiara distinzione tra i due.

Nel complesso, ritengo che le modifiche apportate da Allo a Katana siano state positive e siano valse l'attesa. Apprezzo che si siano assunti la responsabilità dei loro errori (hanno offerto un supporto eccezionale a ogni singolo cliente del Katana, e so che molte reazioni sono state tutt'altro che amichevoli). Tuttavia il Katana non è un DAC per tutti: a parte la complicazione nell'utilizzo (che comunque può essere superata con 20 minuti di attenta lettura del manuale) ho la forte sensazione che si adatterà principalmente ai gusti degli audiofili con una spiccata preferenza per l'iperdettaglio, mentre potrebbe deludere quelli che non lo fanno.

Condividerò ulteriori impressioni in un prossimo aggiornamento.

Tracce di prova:
Pink Floyd - Money (flac 24/96)
Stevie Wonder - Higher Ground (flac 24/96)
Alan Parsons Project - Mammagamma (flac 16/44)
Tame Impala - Perché non mi parlano? (flac 16/44)
Vivaldi - Le 4 stagioni - L'estate (flac 16/44)
CCCP - Allarme (flac 16/44)
Red Hot Chilli Peppers - Sir Psycho Sexy (flac 16/44)
Radiohead - Ogni cosa al suo posto (flac 16/44)
Daft Punk - Giorgio by Moroder (flac 16/44)
Led Zeppelin - Da quando ti amo (flac 16/44)
Io sono un cane - Il corpo del reato (mp3 320)
Alabama Shakes - Don't Wanna Fight (flac 16/44)
Sebastien Tellier - La Ritournelle (flac 16/44)
Il quartetto Dave Brubeck - Take five (DSD64)
Yonderboi - Nessuna risposta da Pietrogrado (flac 16/44)
Ezio Bosso - Unconditioned, following a bird "Out of the Room" (flac 16/44)
Bob Dylan - Mr. Tambourine Man (DSD64)
Moderat - Un nuovo errore (flac 16/44)
Richard Wagner - La cavalcata delle Valchirie (DSD128)
The Rolling Stones - Sister Morphine (flac 16/44)
Il ragazzo più bianco del mondo - Island (flac 16/44)
Moon Duo - Sono stato via (flac 16/44)
Royksopp - Remind Me (flac 16/44)
The Rapture - Nella grazia del tuo amore (flac 16/44)
Pink Floyd - Wish you were here (flac 24/96)
Waldeck - Dope Noir (flac 16/44)
Rino Gaetano - E la vecchia salta con l'asta (flac 16/44)
Kraftwerk - Das Modell (flac 16/44)
Muse - Nuovo nato (flac 16/44)
Nina Simone - I put a spell on you (flac 16/44)
I Prodigy - Respirare (flac 16/44)
Tom Waits - Romeo sta sanguinando (flac 16/44)

 

Le mie configurazioni

Principale
Amplificatore: Naim Nait 5i
Diffusori: Sonus Faber Toy Tower

Studio
Amp: QUAD Artera
Diffusori: Axiom Audio M3

author-avatar

Informazioni su Michelangelo Guarise

Appassionato. Eretico. Profondamente innamorato della tecnologia e della musica. Vivo a Firenze, dove insegno Interaction Design e Marketing. Sono il fondatore e CEO di Volumio e amo ogni secondo di questa grande avventura. Il mio impianto audio è uno strano mix di amplificatori valvolari e digitali, tutti autocostruiti in alcune fredde notti d'inverno. E non riesco ad abbassare la manopola del volume.

Related Posts